NUOVA ASTENSIONE DEI PENALISTI ITALIANI dal 12 AL 16 GIUGNO 2017

PER LA TUTELA E LA GARANZIA DI UN GIUSTO PROCESSO


GIUNTA DELL’UNIONE DELLE CAMERE PENALI ITALIANE


Delibera del 24 maggio 2017


La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane,


RILEVATO


che con le precedenti delibere di astensione in data 4 marzo 2017, 17 marzo 2017, 12 aprile 2017 e 9 maggio 2017 sono stati denunciati i limiti ed i pericoli della riforma del processo penale di iniziativa governativa, ribadendo la profonda contrarietà, già manifestata durante l’iter parlamentare del DDL, ad interventi disorganici e contraddittori, agli inutili aumenti di pena, e rilevando soprattutto la irragionevolezza e la incostituzionalità delle riforme della prescrizione e dell’istituto del cd. processo a distanza;


che con tali astensioni si è inoltre voluto denunciare l’uso della fiducia ai fini della approvazione del DDL trattandosi di uno strumento che sottrae al Parlamento ogni possibile confronto sui contenuti di una riforma che incide in profondità sull’intero sistema processuale e sui diritti e sulle garanzie dei cittadini;


che, nonostante la massiccia adesione a tutte le precedenti astensioni, la crescente attenzione mostrata dai media e dall’opinione pubblica alle tematiche oggetto della protesta, e nonostante le molteplici adesioni del mondo dell’accademia e le convergenti critiche sollevate da diversi esponenti della politica nei confronti della riforma, il Governo non ha tutt’ora ritenuto di dare alcun segnale di attenzione alle questioni di merito più volte rappresentate, restando evidentemente fermo nella intenzione di portare avanti il progetto di riforma;


che occorre, in particolare, ribadire come il contenuto di tali riforme sia contrario, non solo agli interessi e ai diritti dei singoli imputati, ma anche alle legittime aspettative delle persone offese e della intera collettività, che esige, in un Paese civile moderno e democratico, che i procedimenti penali abbiano una ragionevole durata e che la fase dell’accertamento dibattimentale venga posta al centro del processo penale, sottraendo la fase delle indagini preliminari all’attuale enfatizzazione e mediatizzazione, attuando e realizzando i principi del giusto processo e della presunzione di innocenza, nel rispetto pieno delle garanzie dell’imputato e soprattutto quelle poste a presidio del diritto inviolabile della difesa e della dignità stessa della persona, violate dalla estensione dell’istituto della partecipazione a distanza;


che di fronte a riforme che incidono in maniera diretta e penetrante sulla natura stessa del processo penale, distorcendo gravemente il modello accusatorio del giusto ed equo processo, appare necessario adottare ogni opportuna ed ulteriore iniziativa di protesta e di contrasto;


che, ancora una volta, con il DDL di riforma della legittima difesa e con la introduzione del reato di tortura, disattendendo le indicazione dell’avvocatura e dell’accademia, si sono operati interventi legislativi sulla spinta di evidenti e pericolose pulsioni populistiche ovvero ispirandosi a criteri del tutto irrazionali che introducono all’interno dell’ordinamento elementi di iniquità e di incertezza interpretativa ed applicativa;


CONSIDERATO


che devono essere qui ribadite tutte le ragioni di protesta e di contrarietà al disegno governativo indicate nelle precedenti delibere del 4 marzo 2017, del 17 marzo 2017, del 12 aprile 2017 e del 9 maggio 2017;


che il Governo deve essere richiamato alla responsabilità politica derivante da ogni forma di compressione del dibattito politico sul DDL, che costituisce l’unica garanzia di una approfondita e meditata valutazione di una riforma che contiene al suo interno interventi normativi che non solo deprimono le garanzie del processo, violando i principi costituzionali della immediatezza e del contraddittorio, ma anche la presunzione di innocenza e il diritto alla vita, nel disprezzo dei principi costituzionali e convenzionali;


che, nonostante le ripetute sollecitazioni ed i reiterati inviti, il Governo non ha inteso fornire alcuna risposta in ordine alla richiesta di una seria interlocuzione sui temi della riforma della giustizia posti dall’avvocatura;


DELIBERA


nel rispetto del codice di autoregolamentazione, l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale nei giorni 12, 13, 14, 15, 16 giugno 2017, invitando le Camere Penali territoriali ad organizzare in tali giorni manifestazioni ed eventi dedicati ai temi della riforma e del denunciato contrasto con i principi costituzionali e convenzionali della immediatezza, del contraddittorio, della presunzione di innocenza e della ragionevole durata, riservandosi di indire ulteriori manifestazioni sul tema delle garanzie e dei diritti processuali di tutti i cittadini, mantenendo pertanto lo stato di agitazione dell’avvocatura penale anche a tutela del diritto costituzionale di astensione, ed attivando tutti gli strumenti comunicativi disponibili volti alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, dei media e delle forze politiche sul metodo e sul merito della riforma, ponendo in essere quanto necessario per l’interlocuzione con il Governo;


DISPONE


la trasmissione della presente delibera al Presidente della Repubblica, ai Presidenti della Camera e del Senato, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Giustizia, ai Capi degli Uffici giudiziari.


Roma, 24 maggio 2017


Il Presidente

Avv. Beniamino Migliucci


Il Segretario

Avv. Francesco Petrelli


http://www.camerepenali.it/cat/8461/nuova_astensione_dalle_udienze,_dal_12_al_16_giugno.html

ASSEMBLEA GENERALE 2016 - ASSOCIAZIONE PROPRIETA' EDILIZIA

IL RISPARMIO ENERGETICO NEL CONDOMINIO E GLI OBBLIGHI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE - PROBLEMATICHE E CONSIGLI

24/06/2016
BOLZANO - PIAZZA DUOMO 1 - SALA CONFERENZA CENTRO PASTORALE

In data 24 giugno 2016, alle ore 17.00 , nella Sala Congressi del Centro Pastorale a Bolzano – Piazza del Duomo 1, si terrà l’annuale assemblea dell’APE.

 

Siamo davvero molto lusingati, nel comunicare che avremo, quale gradito e prestigioso ospite, il Presidente Nazionale di Confedilizia Avv. Giorgio Spaziani Testa che interverrà sui grandi temi della proprietà immobiliare, sulle più recenti novità che riguardano questo importante settore dell’economia e della società e su quanto ci si debba aspettare per il futuro. L’intervento, quindi, è di particolare rilevanza ed interesse.

 

Tratteremo, poi, un tema molto importante, che incide sulla vita di quasi tutti noi:

”il risparmio energetico nel condominio e gli obblighi di termoregolazione e contabilizzazione del calore; problematiche e consigli”.

 

Infatti, entro il 31.12.16 (data che si avvicina rapidamente) gli impianti di riscaldamento dovranno essere dotati di strumenti di termoregolazione e contabilizzazione del calore, come imposto (a pena di sanzioni da 500 a 2.500 euro) dal D.lgs 4.7.14 nr. 102 (attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica); le relative spese, inoltre, dovranno essere ripartite, in parte, in base ai consumi involontari (previa redazione di una sorta di specifica tabella millesimale) e, in parte, in base ai reali consumi effettivi.

 

In realtà, sono tante le problematiche sollevate da questo quadro normativo, soprattutto in relazione alla ormai prossima scadenza del termine.

 

Per questo abbiamo pensato di affrontare il tema in occasione dell’assemblea dell’APE, rivolgendoci a due relatori di grande prestigio e competenza su questa specifica materia: l’Avv. Pier Paolo Bosso (Presidente APE Asti, relatore a molti convegni del Coordinamento legali di Confedilizia e redattore di rubriche su quotidiani nazionali) e l’Ing. Michele Carlini (esperto in progettazione di grandi edifici e relativa impiantistica).

 

Data la rilevanza del tema ed il prestigio dei relatori, si invita la stampa e chiunque fosse interessato ad intervenire e confidiamo in un ampia partecipazione.

L’ingresso è libero.

 

 

Avv. Alberto Boscarolli

Presidente

 

 

EINLADUNG VOLLVERSAMMLUNG 2016 - VERBAND DER HAUSEIGENTÙMER

DIE ENERGIEEINSPARUNG IM KONDOMINIUM UND DIE PFLICHTEN ZUR THERMOREGOLIERUNG UND VERBUCHUNG DER WÀRME - PROBLEME UND RATSCLÀGE

17/06/2016
BOZEN - DOMPLATZ N. 1 - IM KONGRESSAAL DES PASTORALZENTRUMS

Am 24 Juni 2016, um 17.00 Uhr , wird, im Kongressaal des Pastoralzentrums in Bozen – Domplatz 1, die jährliche Mitgliederversammlung des VHE abgehalten.

 

Wir sind sehr erfreut Ihnen mitteilen zu dürfen, dass wir als hochkarätigen und geschätzten Gast den Präsidenten von Confedilizia Avv. Giorgio Spaziani Testa, begrüßen dürfen, welcher eine Rede zu den großen Themen des Immobilienbesitzes, zu den letzten Neuheiten, die diesen wichtigen Sektor der Wirtschaft und der Gesellschaft betreffen, sowie zu den Zukunftsaussichten. Die Ansprache wird daher besonders interessant werden.

 

Anschließend behandeln wir ein sehr wichtiges Thema, welches uns alle betrifft:

„die Energieeinsparung im Kondominium und die Pflichten zur Thermoregolierung und Verbuchung der Wärme; Probleme und Ratschläge”.

 

Effektiv müssen alle Heizanlagen innerhalb 31.12.16 (Termin der sehr schnell näher rückt) mit Geräten zur Thermoregolierung und Wärmeverbuchung ausgestattet werden (anderenfalls können Strafen zwischen 500 und 2500 Euro verhängt werden), wie vom ges.D. 4.7.14 Nr. 102 (Durchführung der Richtlinie 2012/27/EU zur Energieeffizienz) vorgesehen; zudem müssen die Heiz-und Wärmekosten zum Teil nach unfreiwilligem Verbrauch (dafür muss eine eigene Tausendsteltabelle erstellt werden) aufgeteilt werden und zum Teil nach effektivem Verbrauch.

 

Es werden sehr viele Problematiken durch diese Rechtsvorschriften aufgeworfen und der Fälligkeitstermin rückt immer näher.

 

Darum wollten wir in der Mitgliederversammlung des VHE dieses Thema aufgreifen, indem wir uns an zwei renommierte Gastreferenten gewandt haben, die Experten für diese Materie sind: RA Pier Paolo Bosso (Präsident VHE Asti, Referent bei Veranstaltungen des Koordinierungsausschusses der Rechtsberater von Confedilizia und Verfasser von Rubriken in nationalen Tageszeitungen) und Ing. Michele Carlini (Experte für Projektierung von großen Gebäuden und entsprechenden Anlagen).

 

Aufgrund der Aktualität des Themas und der hochkarätigen Gastreferenten laden wir die Presse und alle Interessenten dazu ein und erhoffen uns eine breite Beteiligung.

Der Eintritt ist frei.

 

RA Alberto Boscarolli

Präsident

ASTENSIONE DEI PENALISTI ITALIANI 24-25-26 MAGGIO 2016

PER LA TUTELA DEI DIRITTI DEL CITTADINO, L' AUTONOMIA DEL LEGISLATORE, I PRINCIPI DEL GIUSTO PROCESSO, PER LA LIBERTÁ DI TUTTI I CITTADINI

Astensione nazionale dei penalisti, contro una riforma asistematica del processo, contro lo slogan “prescrizione più lunga e processi più brevi”, un ossimoro per coprire le carenze organizzative che portano oltre il 70% dei processi a prescriversi nel corso delle indagini preliminari, contro una riforma della prescrizione che non accorcia, ma allunga i tempi del processo, violando la presunzione di innocenza, il diritto alla vita degli imputati. Contro la attuale normativa in tema di intercettazioni del tutto insufficiente a garantire la riservatezza delle comunicazioni di coloro che occasionalmente (o indirettamente) vengano intercettati, e per la distruzione delle intercettazioni irrilevanti ai fini della “prova del reato”. Contro ogni ulteriore estensione del “processo a distanza” ai processi penali con detenuti,. Per ribadire la critica agli strumenti del “doppio binario”, del regime speciale del 41 bis ord. pen. e dell’art. 146 bis att. c.p.p. Contro l’interpretazione delle norme, processuali e sostanziali, in materia di misure cautelari reali ed in materia di utilizzo degli strumenti di captazione intrusivi. Contro questa nuova pericolosa spinta autoritaria, ispirata e alimentata da vari settori della magistratura che alimentano il conflitto aperto dalla Magistratura associata nei confronti della Politica, che deve preservare la propria indipendenza dalla magistratura e sottrarsi, con eguale autorevolezza ed autonomia, alla azione condizionante del populismo. Astensione per far sentire la voce dei penalisti a sostegno dell’autonomia del Legislatore, per ricordargli il suo vincolo ai valori della Costituzione, ed il legame indissolubile dei principi del contraddittorio, dell’immediatezza, del giusto processo e della ragionevole durata, con la libertà di tutti e con la vita della nostra stessa democrazia.

 

PROTOCOLLO TRA LA CORTE DI CASSAZIONE E IL CNF SULLE MODALITÀ DI REDAZIONE DEI RICORSI PER CASSAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA PENALE e CIVILE

Segnaliamo  l'avvenuta sottoscrizione, in data 27 dicembre u.s., di un protocollo d' intesa siglato dal Primo Presidente della Corte di cassazione, dott. Giorgio Santacroce, ed il Presidente del Consiglio Nazionale Forense, Avv. Andrea Mascherin, avente oggetto le regole redazionali dei motivi di ricorso in materia penale e civile.

 

- protocollo penale

- protocollo civile

PROBLEMA LINEE TELEFONICHE STUDIO BOSCAROLLI

INCONVENIENTE

02/12/2015

A causa di un guasto tecnico delle linee telefoniche, inofrmaiamo i Sig.ri Clienti dell' impossibilità di contattare lo Studio Boscarolli a mezzo telefono. Scusandoci per l' inconveniente, ci auguriamo che le linee vengano ripristinate il prima possibile.

PROCLAMATA L' ASTENSIONE DAL 30 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE 2015

L' UNIONE DELLE CAMERE PENALI ITALIANE PROCLAMA L' ASTENSIONE DA TUTTE LE ATTIVITÀ GIUDIZIARIE NEL SETTORE PENALE

QUI DI SEGUITO IL TESTO DELLA DELIBERA:

 

Proclamata l’astensione dal 30 novembre al 4 dicembre 2015. 

Contro ogni estensione degli strumenti del “doppio binario”, del regime speciale del 41 bis e dell’art. 146 bis att. c.p.p., manifestamente contrari ai principi costituzionali del giusto ed equo processo, utilizzati al di fuori di effettive esigenze di sicurezza e di contenimento della pericolosità e nel disprezzo della umanità del processo e della dignità delle persone, per porre al centro delle riforme una nuova idea di Giudice ed una idea di processo che non sia più una macchina palingenetica di contrasto ai fenomeni criminali, ma uno strumento democratico e laico di accertamento della responsabilità dei singoli, realizzato attraverso il potenziamento del dibattimento e del contraddittorio.

 

GIUNTA DELL’UNIONE DELLE CAMERE PENALI ITALIANE

Delibera del 3 novembre 2015

 

La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane,

PREMESSO

che abbiamo partecipato negli anni passati al durissimo scontro fra accusatorio e inquisitorio, due culture e due modi di intendere il processo che si sono confrontati negli anni ’90, contendendosi il corpo del processo. Da un lato le sentenze della Consulta, le controriforme, la conservazione della prova e, dall’altro la riforma della custodia cautelare, il nuovo art. 111 della Costituzione, il “giusto processo” e le indagini difensive, a chiudere il decennio. Oggi queste due categorie concettuali che avevano orientato la nostra azione politica sulla strada della realizzazione della riforma del processo penale, della implementazione del modello accusatorio e del contrasto alla sua “controriforma”, non costituiscono più efficaci strumenti di lettura della evoluzione della politica giudiziaria. Il contesto appare sempre più caratterizzato da nuovi modelli processuali, da nuove esigenze e da nuove strategie che impongono a loro volta una analisi nuova che si collochi al di fuori della classica polarità “accusatorio/inquisitorio” e che tenga conto della complessità del contesto. Una complessità ed una frammentazione nella quale si fa strada un processo dotato di una nuova “funzionalità mediatica”, del tutto privato dei suoi valori, che utilizza, distorce in chiave autoritaria, il modello accusatorio e consente una crescente mortificazione della funzione difensiva, con una sovrapposizione e confusione della difesa dell’imputato con la difesa del delitto e con conseguenti inammissibili discriminazioni quali quelle poste in essere nell’ambito di recenti rilevanti processi di criminalità organizzata (come da ultimo nel processo cd Aemilia);

che assistiamo sempre più spesso al realizzarsi di un nuovo modulo nel quale la “rappresentazione” del processo anticipa il processo stesso: immediata diffusione delle immagini degli arresti più clamorosi (Carminati, Bossetti, ANAS …), puntuale diffusione dei materiali delle indagini preliminari dotati di particolare efficacia (audio originali delle intercettazioni, video ambientali, sequestri …). Tramite questa modalità, non solo si pubblicizza l’efficacia dell’azione delle Procure, ma si mostra il risultato dell’indagine come un dato definitivo ed indiscutibile, dotato in questa maniera di una oggettiva ed inconfutabile evidenza che si stabilizza nell’opinione pubblica, influenzandola irrimediabilmente, attraverso una inedita azione di imprinting mediatico e che condiziona ogni successiva fase del processo, fino ad intaccare irrimediabilmente la stessa verginità cognitiva del giudicante. Il circuito mediatico-giudiziario ha oramai abbandonato la sua vecchia modalità relazionale fra media e processo, per divenire un vero e proprio strumento strategico di compressione della dignità dell’indagato, di mortificazione e di condizionamento del processo. Che tali modalità hanno di recente raggiunto vertici intollerabili, risolvendosi di fatto in una inaccettabile forma di mistificazione processuale e mediatica, cui bisogna rispondere con forza chiedendo non solo l’immediato ritorno all’osservanza di tutte le regole che vengono sistematicamente ed inammissibilmente violate, proprio da coloro che dovrebbero per primi esigerne il rispetto, ma anche l’intervento del Governo e del Parlamento, affinché nelle loro rispettive competenze, si facciano garanti di un ritorno alla civiltà dei rapporti fra Procure e media, restituendo al processo, al giudizio ed all’informazione la dignità e l’autonomia che gli spetta in una società civile e democratica;

che un nuovo rapporto valoriale di natura pragmatica si è oggettivamente instaurato fra prescrizione del reato e durata ragionevole del processo, travolgendo ogni precedente distinzione dogmatica. Quanto più si allungano, sull’onda populistica, i tempi della prescrizione, tanto più si allungano i tempi del processo, con la conseguente mortificazione dei valori della ragionevole durata e della presunzione di innocenza. Questi valori rischiano di essere travolti, non solo da una demagogica spinta ideologica al rifiuto della possibile estinzione dei reati, ma anche dall’irrompere di decisioni del giudice sovranazionale, nelle quali si fa visibile l’attrito fra il modello continentale che governa il nostro ordinamento ed il modello di common low che governa la giurisdizione europea. L’allungamento dei tempi della prescrizione finisce con l’allontanare in maniera irragionevole il reato dalla decisione. E quanto più sono gravi i reati, tanto più gli stessi sono destinati così ad essere giudicati a decenni di distanza dal fatto. Il risultato rischia di essere un paradossale ribaltamento, in virtù del quale se una volta la prescrizione sanciva la superfluità del processo a causa dell’oblio nel quale era caduto il reato, sarà ora il perdurare del processo, con i suoi tempi eterni, a costituire l’unico possibile “ricordo” del reato;

che alla radice di una positiva ed equilibrata evoluzione del processo penale, che coniughi la durata ragionevole con le esigenze dell’accertamento e con la pienezza delle garanzie, vi è un razionale impiego delle risorse umane ed economiche. Che la presunta mancanza delle risorse costituisce un evidente alibi per volgere il processo verso approdi di mortificazione del “giusto processo” che resta smentito dal fatto che in Italia, sia il numero dei magistrati che gli investimenti, sono sostanzialmente eguali a quelli degli altri paesi europei, nei quali tuttavia non vengono dilapidati milioni di euro per intercettazioni spesso totalmente inutili, quando non per indennizzi per le ingiuste detenzioni. Un utilizzo dissennato ed irrazionale delle risorse ha condotto negli anni ad una situazione degli Uffici giudiziari assolutamente inaccettabile perché ridotti ad una gravissima inefficienza non consona ad un paese europeo. Tali condizioni risultano diffuse, tanto nelle aree settentrionali che in quelle meridionali del Paese, provocando, non solo un evidente disagio nella intera utenza, ma trasmodando infine, per via della loro diffusione e della loro gravità, così come denunciato di recente da numerose Camere Penali territoriali (tutte le Camere Penali del distretto della Corte di Appello di Napoli e da ultimo, quelle di Benevento, Napoli Nord, Nocera Inferiore e Prato), in una vera e propria compressione della funzione difensiva, spesso oggettivamente mortificata, se non impedita, nelle sue più elementari prerogative. E’ necessario operare una complessiva rifondazione della organizzazione del processo penale, operando una effettiva razionalizzazione delle risorse ed impedendo in radice la inutile proliferazione dei reati e dei processi, ricordando al Governo la assoluta necessità di procedere sulla via di una seria e risolutiva depenalizzazione, la cui delega è in via di scadenza;

che anche nell’ambito del processo penale, esauritasi la spinta propulsiva della modernità, con l’avanzare di nuove forme della politica e di un tipo di giudice interprete non solo della legge, ma anche dei suoi fini e dei suoi valori, entrano in crisi il principio di legalità e la riserva di legge. Non si può rispondere a tali sfide con gli strumenti oramai obsoleti offerti dall’esistente. Non vi è dubbio che occorre ricostruire nuovi equilibri che regolino i poteri dello Stato, che rifondino il CSM – la cui presunta “autoriforma” ha, sino ad oggi, prodotto deludenti modelli volti esclusivamente all’autoconservazione – che tengano lontana la giurisdizione dalla politica e dall’amministrazione, e che ne rifondino il potere disciplinare, rendendolo efficiente ed effettivo (vedi da ultimo il caso Palermo), e che, soprattutto, introducano nuove regole ordinamentali che tengano lontane le funzioni del giudice da quelle della magistratura requirente, con ciò ponendo le basi della sua Terzietà e della sua piena indipendenza, interna ed esterna;

che l’uso indispensabile delle tecnologie si pone oggi in un rapporto ambiguo ed incongruo con il processo. Piuttosto che essere pensata come uno strumento di valorizzazione dei contesti operativi sottesi ad una piena realizzazione e ad una potenziale espansione dei principi del giusto ed equo processo, la tecnologia viene utilizzata in una chiave puramente efficientistica ed economicistica, al solo fine di risparmiare risorse incurante di irrinunciabili diritti. Piuttosto che la smaterializzazione dei fascicoli processuali, utile ad una rapida ed economica fruizione della conoscenza processuale (fondamento ineludibile del pieno esercizio del contraddittorio), si pratica, con un uso indiscriminato del “processo a distanza” (come da ultimo nel processo cd “Mafia Capitale”), la smaterializzazione dell’imputato, con ciò che questo significa in termini di disumanizzazione del processo e di compressione dei principi dell’immediatezza e del contraddittorio. Con la riforma dell’art. 146 bis disp. att. c.p.p. (nell’ambito del DDL di riforma del processo all’attenzione del Senato), si introduce nel processo penale uno strumento violento, arbitrario e visibilmente incostituzionale nella misura in cui bilancia incongruamente gli indeclinabili valori del contraddittorio, dell’immediatezza e del diritto di difesa con mere ed assai discutibili esigenze di risparmio, estendendo a tutti i processi la previsione della partecipazione a distanza ove vi siano ragioni di sicurezza, o qualora il dibattimento sia connotato da particolare complessità e sia necessario evitare ritardi;

che occorre evidentemente denunciare nel suo complesso la logica emergenziale e securitaria che viene utilizzata surrettiziamente al fine di mantenere e di estendere normative eccezionali e straordinarie, già inaccettabili e di dubbia costituzionalità;

che occorre, altresì, con rinnovata forza e convinzione criticare e contrastare agli strumenti del “doppio binario”, del regime speciale del 41 bis e dell’art. 146 bis att. c.p.p., che risultano manifestamente contrari ai suddetti principi ed utilizzati al di fuori di effettive esigenze di sicurezza e di contenimento della pericolosità e nel disprezzo della umanità del processo e della dignità delle persone;

RILEVATO

che occorre passare dallo stato di agitazione, a suo tempo deliberato, ad un segnale di protesta più forte al fine di proclamare in maniera inequivoca il disagio della intera avvocatura penale a fronte della paventata realizzazione di riforme settoriali criticabili, anche in materia di impugnazioni, portate avanti sotto l’impulso di spinte populistiche, quali la riforma della prescrizione che rischia di portare il processo penale verso un inaccettabile allungamento dei suoi tempi, in senso contrario al principio di ragionevole durata dettato dalla nostra Costituzione, ovvero inopinatamente tratte da ipotesi di lavoro efficientistiche ed autoritarie, che incidono pesantemente sulla natura stessa del processo penale, quale quella dell’art. 146 bis att., confliggenti in maniera evidente con i principi costituzionali del giusto processo, e con gli stessi dichiarati propositi di riforma del Governo;  

che la Politica deve affrontare le riforme del processo penale, con una idea complessiva e forte di processo, con un modello da realizzare. Questo significa porre essenzialmente al centro delle riforme, non solo una idea di Giudice, ma soprattutto una idea di processo che non sia più una macchina palingenetica, ma uno strumento laico di accertamento. Ciò significa costruire e predisporre nuovi strumenti volti alla decompressione del carico processuale, ma non in un’ottica meramente deflattiva, ma al fine di trovare nuove moderne forme di sanzione e di ricomposizione, e con l’obbiettivo finale di potenziare il dibattimento e il contraddittorio come luogo di composizione democratica di un conflitto, restituendogli pienezza ed efficienza. Nel processo penale non si gioca, infatti, solo la vita dell’imputato, ma la libertà di ogni cittadino;

RITENUTO

che occorre pertanto contrastare con assoluta determinazione la possibile estensione dello strumento del “processo a distanza” indistintamente a tutti i processi con detenuti e senza specifica motivazione, tramite la riforma dell’art. 146 bis att. c.p.p. attualmente all’esame del Parlamento;

che occorre intervenire al fine di evitare la spettacolarizzazione dei processi e l’alimentazione dei circuiti mediatici che finiscono per consegnare all’opinione pubblica giudizi preconfezionati, attraverso l’esibizione e la gogna degli arrestati e la diffusione dei materiali di indagine, prima ed al di fuori di qualsivoglia controllo processuale;

che occorre, dunque, segnalare al Governo la necessità di procedere ad una riforma organica del processo penale accelerando la razionalizzazione e la modulazione delle sanzione e realizzando una vera, seria ed estesa depenalizzazione che consenta di riservare al dibattimento la dignità che gli spetta all’interno del “giusto processo”;

che occorre, pertanto, contrastare disegni di riforma volti, anche attraverso la limitazione delle impugnazioni, alla sostanziale vanificazione dell’istituto della prescrizione e la conseguente caduta dell’unico strumento capace di limitare la irragionevole durata dei processi;

che occorre predisporre una seria e radicale riforma del CSM, e scrivere nuove regole che limitino in maniera rigorosa il passaggio dalla magistratura alla politica, e dalla magistratura all’amministrazione, ed operare un profondo riassetto ordinamentale che preveda una separazione della carriera del giudice, da quella dei magistrati requirenti, quale inderogabile presupposto della sua Terzietà.

che occorre provvedere alla razionalizzazione ed alla nuova dislocazione di risorse al fine di rimediare con urgenza alle situazioni di collasso degli Uffici Giudiziari nei quali la mancanza dei minimi supporti organizzativi e materiali finisce con il costituire un gravissimo danno nei confronti di tutti i cittadini ed un inammissibile vulnus allo stesso diritto di difesa ed alla dignità della funzione difensiva;

DELIBERA

nel rispetto del Codice di Autoregolamentazione, l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale degli avvocati penalisti dal 30 novembre al 4 dicembre 2015;

INVITA

le singole Camere Penali territoriali ad organizzare manifestazioni dedicate ai diversi temi della riforma del processo penale ed alle situazioni di degrado dei locali uffici giudiziari e di compressione della funzione difensiva, indicati nella presente delibera;

INDICE

 una manifestazione nazionale a Roma, per la data del 2 dicembre 2015.

DISPONE

la trasmissione della presente delibera al Presidente della Repubblica, ai Presidenti dei due rami del Parlamento, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Giustizia, ai capi degli uffici giudiziari.

Il Presidente

Avv. Beniamino Migliucci

Il Segretario

Avv. Francesco Petrelli

 

Roma, 3 novembre 2015

 

http://www.camerepenali.it/cat/7170/proclamata_l’astensione_dal_30_novembre_al_4_dicembre_2015_.html

Share by: